Evento Club Terme di Saturnia

Nella tavola rotonda sul tema della tutela dei patrimoni degli aderenti Giuseppe Patriossi, Prometeia Advisor Sim si è confrontato con Marco Barlafante, PrevAer e Ivonne Forno, Laborfonds su come i due direttori generali di Fondi pensione hanno vissuto in questi mesi da febbraio in poi la gestione finanziaria, considerando non solo la volatilità dei mercati finanziari, ma anche quella degli umori degli stakeholder.

tavola_rotonda_2

Marco Barlafante è sembrato avere un’opinione positiva in merito alle conseguenze della pandemia. É vero che l’impatto del COVID-19 sull’economia reale italiana è stato chiaramente importante e pesante, basti pensare che il Pil ha avuto una decrescita di almeno del 12/13%, ma i Fondi Pensione Italiani nonostante tutto ne sono usciti rafforzati da questa crisi. La difficoltà della situazione ha infatti portato a sfruttare modelli gestionali nuovi già studiati precedentemente, costruiti su incarichi di gestione finanziaria e amministrativa esternalizzata. Tutto è stato affrontato con semplicità, grazie anche all’aiuto di partner esterni dei quali PrevAer si è avvalso, come quelli che si sono occupati della comunicazione della crisi ai soci. 

Hanno funzionato quindi i modelli già strutturati nel tempo, che si sono rivelati flessibili e con ampi margini di manovra. Barlafante ha concluso dicendo che gli investimenti socialmente responsabili hanno prodotti risultati importanti così come quelli  illiquidi. 

Anche Ivonne Forno non è stata negativa riguardo alla situazione creatasi a seguito della pandemia. Laborfonds ha sicuramente reagito già da febbraio monitorando la situazione con alcuni gestori finanziari e alzando il livello di attenzione e a marzo ha subito convocato un CDA urgente. “Abbiamo seguito il portafogli giorno per giorno chiedendo una reportistica costante e questo ha permesso di rimanere tranquilli, il monitoraggio per noi è stato fondamentale” ha proseguito la Forno.

L’impostazione del portafogli basata sulla diversificazione dell’asset allocation già attuata da tempo si è dimostrata molto solida.

Gli investimenti di Laborfonds hanno dimostrato quindi estrema resilienza e sicurezza sotto il profilo di rischio e nei prossimi mesi l’obiettivo sarà focalizzato sul portafoglio satellite degli alternativi, con grande attenzione alla reputation, le scelte sbagliate possono creare infatti impatti ben più importanti di quelli meramente economici.

Infine, ha concluso Forno: “il Fondo in questo periodo ha deciso anche di intensificare le azioni di comunicazione verso gli aderenti per evitare reazioni di pancia come i fenomeni di switch e di uscite”.

Per vedere  il video del dibattito, clicca qui >>