Evento Club Terme di Saturnia – Per la sezione “Investire in infrastrutture” Raffaella Copper, Macquarie ha sottolineato che l’impatto del Covid-19 in infrastrutture è stato relativamente limitato. “Investiamo infatti in infrastrutture proprio per avere quelle caratteristiche difensive in momenti di crisi e in cui l’economia non va nel verso giusto”, ha affermato la Copper.

raffaella_copper

L’intervento ha proseguito con un’analisi dello scenario delle infrastrutture, dove il settore dei trasporti sembra essere stato quello più impattato dalla pandemia, soprattutto se parliamo di aviazione. Tutto ciò che riguarda invece strade e altri tipi di trasporti ha subito una ripresa dovuta al cambio di abitudini delle persone, che per esempio preferiscono prendere la macchina piuttosto che i mezzi pubblici. Inoltre non abbiamo assistito ad un calo di traffico neanche durante il lockdown, con l’aumento del trasporto delle merci su strada.

Altro settore che ha subito una crescita importante nell’era di Covid è stato quello delle telecomunicazioni e le reti regolamentate gas e elettricità non hanno avuto una riduzione così importante.

Infine riguardo l’energia rinnovabile c’è stato un impatto sulle attività di manutenzione e sui programmi di costruzione, ma non ci sono state criticità particolari.

A seguito di quest’analisi, Macquarie ha deciso di lavorare su una struttura regionale dove sono presenti fondi dedicati alle infrastrutture in ciascuna regione del mondo, 6 fondi successivi investiti in Europa, 6 fondi in Nord America e stessa cosa per la piattaforma panasiatica. Si tratta di fondi diversificati con un obiettivo di rendimento tra il 10% e il 12% netto con una cedola tra il 4 e il 5% l’anno.

I fondi coprono diversi settori di mercato per offrire agli investitori una gamma di prodotti che si adattano a diversi profili di rischio-rendimento.

Macquarie non lavora solo sull’equity ma anche sul debito infrastrutture, ritenuto non meno importante. Infatti quest’ultimo ha evidenziato perdite attese di gran lunga inferiori rispetto alle obbligazioni corporate con rating simile.

La piattaforma di debito infrastrutture dispone di una serie strategie di investimento in diversi settori e giurisdizioni: un Debito Infrastrutture Europeo, che investe in un portafoglio di investimenti denominati in Euro, prevalentemente in debito infrastrutturale senior; un Debito Infrastrutture Sub-Investment Grade, che investe in un portafoglio globale di investimenti in debito infrastrutturale senior e subordinato e un Debito Infrastrutture Energia Rinnovabile con investimenti in Green Energy Debt che contribuiscono ad un impatto ambientale favorevole con particolare attenzione all’eolico e al solare, allineato alla tassonomia UE per le attività sostenibili al momento dell’investimento.

Per visualizzare e scaricare le slide, clicca qui >>

Per guardare il video dell’intervento, clicca qui >>